Dibattito pubblico per le grandi opere infrastrutturali: cosa cambia dal 24 agosto 2018

di Elisa Nobile
dibattito pubblico

Modalità di  svolgimento,  tipologie  e  soglie dimensionali delle opere sottoposte a dibattito pubblico

Il prossimo 24 agosto entrerà in vigore il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri – D.P.C.M. n. 76 del 10 maggio 2018, recante “Modalità di  svolgimento,  tipologie  e  soglie dimensionali delle opere sottoposte a dibattito pubblico”, adottato in ottemperanza alle previsioni contenute all’art. 22 comma 2 del D.lgs. 50 del 2016 (Codice dei contratti pubblici), per l’individuazione delle opere, distinte per tipologia e soglie dimensionali, per le quali è obbligatorio il ricorso alla procedura di dibattito pubblico, nonché per definire le modalità di svolgimento ed il termine di conclusione della procedura medesima.

Il “Dibattito pubblico” è definito come quel processo di informazione, partecipazione e confronto pubblico sull’opportunità, sulle soluzioni progettuali di opere, su progetti o interventi compresi nell’alveo delle tipologie individuate nel Decreto.

Le tipologie e le soglie dimensionali delle grandi opere infrastrutturali interessate, sono individuate all’allegato 1 del Decreto e per esse sussiste l’obbligo di procedere con la procedura del dibattito pubblico.

Alla regola generale suddetta, relativa ad opere tassativamente individuate, si affiancano le eccezioni per casi specifici.

>> CONTINUA A LEGGERE…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *