Il modello in house quale modello di gestione ordinario dei servizi pubblici locali

in house

La gestione in house dei servizi pubblici locali è ormai da tempo oggetto di numerose pronunce giurisprudenziali, facendo luce queste ultime sulla possibilità di collocare il modello in house tra le modalità ordinarie di affidamento e gestione dei servizi di interesse generale

di Letizia Gaspari

Da ultimo, il TAR per la Lombardia, sez. I Brescia, con l’ordinanza n. 269 del 12 luglio 2018, si è espresso sancendo la configurabilità del modello in house quale modello ordinario dei servizi locali, dunque alternativo rispetto all’affidamento espletato mediante procedura di selezione pubblica.

Detta ordinanza ha respinto l’stanza cautelare presentata da alcune società private, le quali hanno impugnato la deliberazione del Comune, recante l’affidamento in house alla società controinteressata della gestione dei servizi di igiene ambientale. Continua a leggere…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *