Programmi di valutazione del rischio di crisi aziendale: un approccio early warning

di Carla Morrone
crisi di impresa

L’introduzione di strumenti di allerta che favoriscano la tempestiva emersione dello stato di crisi e la sua corretta gestione rappresenta una delle novità più rilevanti della recente riforma rinvenibile nel nuovo Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza (d.lgs. 14/2019) che soppianterà definitivamente la vecchia legge fallimentare a decorrere dal 15 agosto 2020.

Se per le aziende private le misure volte a prevenire lo stato di crisi rappresentano un’assoluta novità, lo stesso non può dirsi con riferimento alle società a controllo pubblico. Infatti, già alla luce di quanto disposto dall’art. 6 del d.lgs. 175/2016, c.d.

Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica, queste ultime devono predisporre specifici programmi di valutazione del rischio di crisi aziendale.

Continua a leggere….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *