Il recesso da società ex art. 24 del TUSP ed il “richiamo” all’art. 20, c. 7

di Stefano Pozzoli
recesso

Il 30 settembre è una data importante nel mondo delle partecipate pubbliche

Scade infatti il termine previsto dal TUSP perché quei comuni che hanno previsto nel loro piano di revisione straordinaria la dismissione di partecipazioni maturino il proprio diritto di recesso e quindi da una parte essi perderanno la possibilità di “esercitare i diritti sociali nei confronti della società e, salvo in ogni caso il potere di alienare la partecipazione, la medesima è liquidata in denaro in base ai criteri stabiliti all’articolo 2437-ter, secondo comma, e seguendo il procedimento di cui all’articolo 2437-quater del codice civile” (art. 24, c. 5).

>> CONTINUA A LEGGERE…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *