Società partecipate: adempimenti e vincoli

partecipate

Dopo l’articolo della scorsa settimana, (qui il link all’articolo) proseguiamo l’esame delle società sottoposte a “controllo pubblico”.

Con la deliberazione n. 11/SSRRCO/QMIG/19 del 12/6/2019, le Sezioni riunite della Corte dei conti hanno fornito l’interpretazione del concetto di “controllo pubblico”, di una amministrazione nei confronti della partecipata, che si desume dalla lettura dell’art. 2, lettera b) e lettera m) del TUSPP (il d.lgs. 175/2016), nonché dall’art. 2359 del Codice civile.

Le Sezioni riunite della Corte dei conti hanno fatto propria l’interpretazione “letterale” delle norme, sulla scorta di un ragionamento lineare e condivisibile.

Pertanto, in virtù del combinato disposto delle lettere b) ed m) dell’art. 2 del TUSPP, i Giudici contabili delle Sezioni riunite ritengono che possono essere qualificate come “società a controllo pubblico” quelle in cui “una o più” amministrazioni:

dispongano della maggioranza dei voti esercitabili in assembla ordinaria;

– oppure, dispongano di voti, o rapporti contrattuali, sufficienti a configurare un’influenza dominante (deliberazione n. 11/SSRRCO/QMIG/19, pag. 16).

Continua a leggere….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *