La trasmissione dei dati della razionalizzazione delle società 2018

revisione partecipate

Entro il 12 aprile 2019 è necessario comunicare al MEF, ed alla Corte dei conti, la deliberazione di revisione ordinaria delle partecipazioni societarie.

Gli enti locali, e tutte le pubbliche amministrazioni, infatti, devono provvedere alla “razionalizzazione periodica” delle partecipazioni secondo la disciplina dettata dall’articolo 20 del Testo Unico in materia di società a partecipazione pubblica (TUSPP), il decreto legislativo n. 175/2016 (poi rinnovato dal decreto delegato n. 100/2017).

La prima revisione ordinaria delle partecipazioni dovrebbe essere stata approvata, dagli organi consiliari, entro il 31 dicembre 2018.

L’articolo 26 comma 11 del TUSPP, infatti, ha stabilito che “alla razionalizzazione periodica di cui all’articolo 20 si [proceda] a partire dal 2018, con riferimento alla situazione al 31 dicembre 2017”.

Nel 2017, invece, chi legge ricorderà che le amministrazioni avevano svolto la “Revisione straordinaria delle partecipazioni” disciplinata, questa, dall’articolo 24 del TUSPP. Il contenuto della “razionalizzazione periodica” è stato oggetto di approfondimento nelle circolari Affari Generali 8 novembre 2018, 18 dicembre 2018 e, infine, 16 gennaio 2019.

Con la presente ci limitiamo a fornire le istruzioni pratico operative per la corretta trasmissione al MEF ed alla Corte dei conti delle informazioni recate dal documento di “razionalizzazione periodica”.

Continua a leggere….

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *