È possibile affidare un servizio pubblico ad una società risultante da aggregazione in cui sia venuto a mancare il requisito del controllo analogo?

in house

Il Consiglio di Stato rimette la questione alla Corte di Giustizia Ue

A cura di Salvo Santoro

In breve

Il Consiglio di Stato (Cons. St., sez. IV, ord., 18 novembre 2020, n. 7161) si è rivolto alla Corte di Giustizia per chiarire se ci sia compatibilità comunitaria dell’affidamento del servizio pubblico ad un soggetto formatosi dopo una legittima operazione societaria di aggregazione in cui è stato “assorbito” l’iniziale affidatario in house e in cui sia venuto meno il requisito del controllo analogo per la presenza di privati nella (nuova) compagine.

CONTINUA A LEGGERE…..

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *