I modelli organizzativi del d.lgs. n. 231/2001 e le misure di prevenzione della corruzione della legge n. 190/2012 in relazione alle società partecipate da Pubbliche Amministrazioni

di Ilenia Imola
anticorruzione

Il punto dopo la sentenza della Cassazione penale n. 43656/2019

Con la sentenza n. 43656/2019 la Cassazione penale ribadisce i contenuti dell’’interesse’ e del ‘vantaggio’ dell’Ente, ex. art. 5, d.lgs. n. 231/2001, nella commissione di reati.

La sentenza offre lo spunto per uno sguardo sul sistema di prevenzione di reati in cui sono incardinate le società partecipate da Pubbliche Amministrazioni.

Occorre, innanzitutto, ricordare che l’avvento della responsabilità penale delle persone giuridiche ad opera del d.lgs. n. 231/2001 fu inizialmente visto come un adempimento burocratico da parte di tutti i soggetti coinvolti.

CONTINUA A LEGGERE….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *