Capitali privati nei soggetti giuridici che applicano l’istituto dell’in house providing

di Ilenia Imola
in house providing

La sentenza del Consiglio di Stato, sez. I, 7 maggio 2019, n. 488. Qualche punto fermo?

Il Consiglio di Stato si è espresso di recente su una questione dibattuta, di cui si è accentuato l’interesse dopo la codificazione dell’in house providing: la presenza di capitali privati in soggetti giuridici che applicano tale istituto.

La fattispecie trova regolamentazione specifica per le società di capitali partecipate da soggetti pubblici nell’art. 16 del d.lgs. n. 175/2016, c.d. TUSP, che legittima la partecipazione di capitali privati laddove ciò sia prescritto da norme di legge, e laddove tale partecipazione non comporti controllo o potere di veto, nè l’esercizio di un’influenza determinante sulla società.

Continua a leggere….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *